Le particolari condizioni meteorologiche dell’estate 2015 ha avuto importanti ripercussioni sui consumi di elettricità. Nei primi mesi estivi di quest’anno infatti si sono registrate temperature ben al di sopra delle medie, con Luglio che ha fatto segnare una temperatura media ben 4 gradi più alta rispetto al Luglio 2014.
Questa grande ondata di caldo ha ovviamente avuto ripercussioni sui consumi elettrici della nostra Nazione. In particolare, il 21 Luglio alle ore 16 si è registrato il picco di potenza massima richiesta, pari a 59.353 MW, un valore superiore di più del 15% rispetto allo scorso anno. E’ interessante far notare come questo picco sia stato assorbito per il 54% da centrali termoelettriche e per il 22% da fotovoltaico, eolico e geotermoelettrico. A proposito del fotovoltaico, sempre a Luglio c’è stato il record mensile di produzione di energia, con un valore di 3,2 TWh, ovvero quasi il 10% della totale domanda mensile (32 miliardi di kWh).
Unendo i contributi di tutte le fonti rinnovabili, si giunge a quasi il 34% di copertura della domanda di energia di Luglio: un buon valore, ma certamente ancora non sufficiente.

Luglio 2015: il mese dei record per consumi e produzione elettrica

Recent Posts

Leave a Comment